Salmo 121:1-2 - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
2006-2024  ANNO XVIII         7 Aprile 2024
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

SALUTE > ARTICOLI IN PRIMA PAGINA > Riflessioni bibliche
 
Salmo 121: 1-2
Alzo gli occhi verso i monti… Da dove mi verrà l’aiuto? 
 Il mio aiuto viene dal Signore, che ha fatto il cielo e la terra.

Il salmista sente l'impellente necessità di sollevare lo sguardo, rivolgendolo verso le cime dei monti che, per molti pagani, erano considerati luoghi sacri e abitati dagli dei. Tuttavia, qui il salmista compie un gesto diverso: osserva attentamente il panorama circostante, cercando una possibile fonte di aiuto, e si pone una domanda cruciale: "Chi potrà aiutarmi?". Spesso, quando cerchiamo soccorso, tendiamo a fare affidamento esclusivamente sulle nostre capacità umane.
Il salmista, invece, desidera alzare lo sguardo verso le cime dei monti con un obiettivo ben preciso: liberarsi dalle miserie terrene, sollevarsi dalle malvagità e meschinerie dell'umanità, che continuano a gravare su di lui. È consapevole della sua condizione e delle sue limitazioni, e desidera trovare nell'alto qualcosa che possa alleviare il peso, garantire sicurezza e donare pace. Alzare lo sguardo verso i monti significa presentarsi a Dio senza riserve, con le proprie debolezze, peccati, delusioni, ansie, tristezze e gioie. È una preghiera, un atto di adorazione, un incontro diretto con Dio.
La domanda "Chi potrà aiutarmi?" diventa, per il salmista, una risposta decisa, pronunciata con fermezza e certezza interiore: "L'aiuto mi viene dal Signore". In ogni situazione della vita, in ogni circostanza, solleviamo i nostri occhi verso i monti, cioè rivolgiamo il nostro sguardo a Dio in preghiera. Invochiamolo, supplichiamolo, dialoghiamo con Lui, poiché Egli ha piani e progetti unici per ciascuno di noi. Chiamiamolo, e dalla Sua mano riceveremo aiuto e benedizioni.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu