Natale Solidale 2011 - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
ANNO XII - 13 Ottobre 2018
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

 


Natale solidale 2011


Anche quest’anno giovedì 15 dicembre 2011 la chiesa battista di Conversano ha organizzato una serata canora "Natale solidale" in favore dello Zimbabwe.
Il palco del cineteatro "La casa delle Arti" si è trasformato in un ponte virtuale che ci ha condotti in Africa grazie anche alla presenza della rev. Dyane Adu Biney, ganese, e al dott. Paolo Mescia responsabile del "Progetto Zimbabwe". Il dott. Paolo ci ha raccontato che questo progetto è nato dal suggerimento della Lott Carey Foreign Mission Convention. Quando per la prima volta una delegazione dell’U.C.E.B.I. si recò in Zimbabwe, nel 2006, vide gli enormi bisogni del paese ma non avendo la possibilità di soddisfare tutti quei bisogni pensò di impegnarsi in un solo progetto: aiutare l’ospedale di Saniaty, ma poi, grazie alla generosità e all’impegno delle nostre chiese, sono nati altri piccoli progetti. Nel 2009, ritornando in Zimbabwe, Paolo Mescia  rimase sorpreso da tutto quello che si era potuto realizzare con quel poco che noi avevamo donato ma il past. Chiromo gli ricordò l’episodio dei due pani e dei cinque pesci….
In questi anni l’impegno delle nostre chiese è cresciuto sempre più tanto da permettere la costruzione di tre pozzi, l’adozione a distanza dei bambini senza genitori, il progetto Ester, il sostegno ai ministri della Convenzione battista dello Zimbabwe, il progetto per lo sviluppo dell’istruzione… Dio ancora una volta ha fatto il miracolo della moltiplicazione.
Forte è la volontà di voler continuare a lavorare per questo progetto che sta nascendo un nuovo programma chiamato "Tabita" dal nome di una sarta cristiana di Ioppe. Questo progetto è nato da una iniziativa del fratello Paolo Meloni della chiesa di Cagliari che metterà a disposizione i macchinari, i materiali tessili e la sua esperienza per l’avvio di una sartoria che permetterà alle vedove del Progetto Ester di sostenersi economicamente.
Alla manifestazione "Natale solidale" sono intervenuti, portando il loro messaggio di fede e di amicizia, il pastore avventista Gioacchino Caruso, il parroco don Felice Di Palma, l’assessore Pasqualino Sibilia, anch’egli innamorato dell’Africa e particolarmente sensibile alle problematiche e al popolo di questo splendido paese e il sindaco avv. Giuseppe Lovascio.
Gli artisti che si sono alternati sul palco ci hanno allietato con canti natalizi di genere diversi: abbiamo ascoltato ninne nanne e canti lirici con il soprano Maria Pia L’Abbate, della chiesa battista di Conversano, accompagnata alla tastiera dal M° Daniele Sarno, i Freedom Chorus con canti  simil-gospel del repertorio internazionale e la rev. Dyane Adu Biney, cantante gospel, giornalista, mediatrice culturale, psicoterapeuta nonchè evangelizzatrice, della chiesa cristiana evangelica di Brescia "Il tempio di Cristo". La sua presenza è stata notevole, è stata come un fiume in piena, con la sua carica ha coinvolto il pubblico facendolo cantare e lodare l’Eterno. In chiusura, fuori programma, ha chiesto di poter cantare insieme ai Freedom Chorus che sono stati entusiasti nel duettare con lei. Ancora oggi sento in me la carica e la gioia che ci hanno trasmesso in quella magica serata.
Anche quest’anno è stato allestito un bazar nella hall del teatro ricco di  manufatti e prodotti alimentari, realizzati da alcune sorelle della chiesa battista di Conversano.
Sono stati venduti anche i biglietti di una la lotteria con premi donati da fratelli e sorelle della chiesa battista di Conversano e da un collega di Antonio Pascale. È straordinario vedere, nel momento del bisogno, persone che si mobilitano spinte dal motore dell’amore verso gli altri. Che il Signore ci illumini sempre con la luce del Suo amore affinché diventiamo facitori di pace e di fratellanza.


Anna Dongiovanni



                                        

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu