Unioni femminili - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
ANNO XI- Aggiornato al: 22  Novembre 2017
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

 




Convegno delle Unioni femminili di Puglia e Basilicata


Anna Dongiovanni
MOTTOLA-29 maggio 2013 Sabato 4 maggio, nella chiesa battista di Mottola si è svolto il convegno delle Unioni femminili di Puglia e Basilicata, riunitesi per eleggere la nuova segretaria regionale del Movimento femminile battista (Mfeb).                

Cristina Viti, pastora della chiesa di Gravina in Puglia e di Santeramo in Colle, ci ha condotte nell’arco della giornata in un percorso spirituale attraverso il bibliodramma, tecnica di animazione biblica facilita l’incontro tra la Parola e la vita delle persone.
Dopo il saluto del pastore della chiesa ospitante, Dario Monaco, Cristina ci ha condotte nella prima animazione: stando sedute in cerchio, ci siamo passate l’una all’altra il capo di una lunghissima corda, i cui capi sono stati legati al termine di due giri. Ci siamo alzate in piedi e poi sedute sulla corda, contemporaneamente e nello stesso istante. Non abbiamo avuto paura di cadere, la sentivamo sicura. Questo ci ha fatto comprendere che, se abbiamo fiducia l’una dell’altra, se uniamo le nostre forze diventiamo forti come quella corda. Se una di noi, però, si alza la corda diventa instabile, inadatta a sorreggerci. Abbiamo riflettuto  che quando una sorella vuole allontanarsi dal gruppo per qualsiasi motivo, è necessario avvisare le altre affinché non ne soffrano, evitando anche che il suo allontanamento possa far nascere conflitti o incomprensioni.
Significativi sono stati altri due momenti preparatori alla riflessione biblica, che ci hanno fatto comprendere appieno il peso, la sofferenza provocata da uno stato d’animo, da una condizione e la gioia della liberazione da tale malessere.
In particolare nel secondo momento abbiamo indossato delle maschere bianche che ci hanno rese tutte uguali: spesso nel relazionarci con l’altra indossiamo delle maschere per nascondere i nostri veri sentimenti, per proteggerci. Ma tenere delle maschere a volte è faticoso… infatti molte di noi dopo poco le hanno sollevate perché ci impedivano di respirare bene e di vedere chiaramente quello che era davanti a noi. Quando le abbiamo tolte abbiamo provato una sensazione di liberazione. La stessa sensazione che ha provato la donna curva quando Gesù la liberò.
Cristina utilizzando un telo, dei nastri e i personaggi biblici di cartone, ha raccontato e rappresentato l’episodio della guarigione della donna che era curva da diciotto anni (Luca 13). L’amore di Gesù è tale da abbattere le barriere, Gesù non rispetta le regole dei farisei, per Lui è più importante guarire chi è nel dolore piuttosto che rispettare il riposo del sabato. Gesù interviene anche quando non glielo chiediamo, infatti quella donna non chiese nulla a Gesù, semplicemente lei desiderava ascoltare la parola di Dio, nella quale trovava conforto e forza per sopportare la sua sofferenza fisica e spirituale.
Abbiamo concluso questo cammino spirituale con delle benedizioni: stando sempre in cerchio ognuna di noi ha benedetto la sorella che era alla propria sinistra ponendo le mani su di lei. Abbiamo ringraziato la pastora per la bella esperienza sperando di farne altre insieme.
Nel pomeriggio ha avuto inizio la votazione per la nuova segretaria regionale della Puglia e Basilicata, eletta nella persona di Alexandra Anderson della chiesa di Matera. Un sentito ringraziamento è stato rivolto alla segretaria uscente, Rosalba Forte, per il lavoro svolto, augurandole di continuare il suo prezioso lavoro al servizio del Signore nella chiesa di Altamura.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu