Martin Bucero 1491 - 1551 - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
2006-2022  ANNO XVI -28/11/2022
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

CALENDARIO BIBLICO 2017

500 ANNI DELLA RIFORMA  (1517-2017)
 


MARTIN BUCERO (1491 - 1551)
 
 «I segni principali della vera Chiesa sono il carattere biblico della dottrina e l'amministrazione dei sacramenti». 
(M. Bucero, De Regno Christi)


La sua opera riformatrice fu svolta soprattutto a Strasburgo, città alla quale è rimasto legato il suo nome. Dedicò gran parte della sua vita a tentare la conciliazione tra luterani e zwingliani. Come teologo non fu inferiore a Melantone, ma non ebbe la fortuna di formulare le sue idee con la stessa chiarezza. La sua influenza è evidente nell'ecclesiologia di Calvino, che collaborò con Bucero a Strasburgo dal 1538 al 1541. Più importante fu il suo contributo alla Lega di Smalcalda che il landgravio Filippo di Assià creò in difesa del protestantesimo. Nel 1548, dopo l'Interim di Augusta, dovette fuggire in Inghilterra dove fu nominato Regius Professor a Oxford, dando un importante contributo con le sue critiche al Book of Common Prayer. Nel 1557, durante il periodo cattolico di Maria Tudor, i suoi resti furono esumati e bruciati nella piazza del mercato di Cambridge.
Nota biografica - Martin Ibarra
 
 
OPERE DI BUCERO IN ITALIANO:
- La Riforma a Strasburgo, a cura di E. Genre, Claudiana, 1991.

LIBRI SU BUCERO:
- E. Genre, Martin Bucer. Un domenicano riformatore, Claudiana, Torino 2010.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu