TILC - EFESINI 3 - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
2006  ANNO XIII - 22 luglio 2019
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

N.T.
 


(Testo TILC)


Lettera agli Efesini, Cap.: 1 2 3 4 56

LETTERA AGLI EFESINI
Capitolo
3

Paolo, l'apostolo dei non Ebrei
 
1Per questo motivo, io, Paolo, rivolgo a Dio una preghiera... A causa di Cristo ora io sono in prigione, per voi che non siete Ebrei. 2Penso che abbiate sentito parlare dell'incarico che Dio, nella sua bontà, mi ha affidato e che riguarda voi. 3Io ho ricevuto una rivelazione che mi ha fatto conoscere il progetto segreto di Dio. Già nelle pagine precedenti ve ne ho scritto, 4e leggendo potete capire fino a che punto conosco quel segreto che riguarda Gesù Cristo.
   5Nei tempi passati, questo progetto segreto non è stato manifestato agli uomini; ai nostri giorni invece, per mezzo dello Spirito Santo, esso è stato rivelato ai santi apostoli e profeti di Dio. 6E il segreto è questo: anche i pagani diventano un unico corpo in Cristo Gesù, e ricevono la stessa eredità che Dio ha promesso al suo popolo per mezzo del Vangelo, 7del quale sono diventato servitore per dono della grazia di Dio, per un gesto della sua potenza. 8A me, che sono l'ultimo di tutti i cristiani, Dio ha dato la grazia di annunziare ai pagani le infinite ricchezze di Cristo. 9Dio, creatore dell'universo, mi ha incaricato di far conoscere a tutti come egli realizza quel progetto che aveva sempre tenuto nascosto dentro di sé. 10Così, per mezzo della chiesa, anche le autorità e le potenze presenti nel cielo, ora conoscono la misteriosa sapienza di Dio: 11quella che egli ha manifestato, compiendo il suo eterno progetto per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore.
   12Uniti a Cristo, avendo fede in lui, noi possiamo presentarci a Dio con libertà e piena fiducia. 13Perciò, vi prego, non lasciatevi scoraggiare a causa delle sofferenze che io sopporto per il vostro bene: anzi, dovete esserne orgogliosi.

         L'amore di Cristo
  
14Per questo motivo, dunque, io mi inginocchio davanti a Dio Padre, 15a lui che è il Padre di tutte le famiglie del cielo e della terra. 16A lui chiedo di usare verso di voi la sua gloriosa e immensa potenza, e di farvi diventare spiritualmente forti con la forza del suo Spirito; 17di far abitare Cristo nei vostri cuori, per mezzo della fede. A lui chiedo che siate saldamente radicati e stabilmente fondati nell'amore. 18- 19Così voi, insieme con tutto il popolo di Dio, potrete conoscere l'ampiezza, la lunghezza, l'altezza e la profondità dell'amore di Cristo, che è più grande di ogni conoscenza, e sarete pieni di tutta la ricchezza di Dio.
   20A Dio, che già agisce in noi, con potenza,
   e in tutte le cose può fare
   molto più di quanto
   noi possiamo domandare o pensare,
   21a Dio sia gloria,
   per mezzo di Cristo Gesù e della chiesa,
   in ogni tempo e sempre! Amen.


 
 
 

<precedente_____________________________successiva  >

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu