TILC - ATTI 6 - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
2006/2022  ANNO XVI - 20 maggio 2022
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

N.T.


(Testo TILC)


Atti degli apostoli:

1    2  3    4    5   6   7   8    9   10    11  12  13   14    15   16   17   18   19   20   21    22    23    24    25   26   27    28

ATTI DEGLI APOSTOLI
Capitolo
6


Sette aiutanti per gli apostoli

 1Intanto a Gerusalemme cresceva il numero dei discepoli e accadde che i credenti di lingua greca si lamentarono di quelli che parlavano ebraico: succedeva che le loro vedove venivano trascurate nella distribuzione quotidiana dei viveri. 2I dodici apostoli allora riunirono il gruppo dei discepoli e dissero: "Non è giusto che noi trascuriamo la predicazione della parola di Dio per occuparci della distribuzione dei viveri. 3Ecco dunque, fratelli, la nostra proposta: scegliete fra di voi sette uomini, stimati da tutti, pieni di Spirito Santo e di saggezza, e noi affideremo a loro questo incarico. 4Noi apostoli, invece, impegneremo tutto il nostro tempo a pregare e ad annunziare la parola di Dio".
   5Questa proposta piacque all'assemblea. Allora scelsero Stefano, uomo ricco di fede e di Spirito Santo, e poi Filippo, Pròcoro, Nicànore, Timone, Parmenàs e Nicola, uno straniero che proveniva da Antiòchia. 6Presentarono poi questi sette uomini agli apostoli i quali pregarono e stesero le mani sopra di loro.
   7Intanto la parola di Dio si diffondeva sempre di più. A Gerusalemme il numero dei discepoli cresceva notevolmente, e anche molti sacerdoti prestavano ascolto alla predicazione degli apostoli e credevano.

         Stefano viene arrestato

   8Dio era con Stefano e gli dava la forza di fare grandi miracoli e prodigi in mezzo al popolo. 9Ma alcuni individui gli si opposero: erano quelli della comunità ebraica detta dei liberti, insieme con altri di Cirène e di Alessandria, e altri della Cilicia e dell'Asia. Costoro si misero a discutere con Stefano, 10ma non potevano resistergli perché egli parlava con la saggezza che gli veniva dallo Spirito Santo.
   11Allora pagarono alcuni uomini perché dicessero: "Noi abbiamo sentito costui dire bestemmie contro Mosè e contro Dio". 12Così misero in agitazione il popolo, i capi del popolo e i maestri della Legge. Poi gli piombarono addosso, lo catturarono e lo trascinarono in tribunale.
   13Presentarono perciò dei falsi testimoni, i quali dissero: "Quest'uomo continua a parlare contro il luogo santo, il Tempio, e contro la nostra Legge. 14Anzi lo abbiamo sentito affermare che Gesù il Nazareno distruggerà il Tempio e cambierà le tradizioni che ci sono state date da Mosè".
   15Tutti quelli che sedevano nella sala del tribunale fissarono gli occhi su di lui e videro il suo volto splendere come quello di un angelo.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu