TILC - GALATI 5 - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
2006/2020 -  ANNO XIV - 15 aprile 2020
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

N.T.
 


(Testo TILC)


Lettera ai Galati, Cap.: 2 3 4 5 6



LETTERA AI GALATI
Capitolo
5

1Cristo ci ha liberati per farci vivere effettivamente nella libertà. State dunque saldi in questa libertà e non ritornate ad essere schiavi.

Perseverare nella libertà
2Ascoltatemi bene. Ve lo dico io, Paolo: se vi fate circoncidere, Cristo non vi servirà a nulla.  3Ancora una volta io vi dichiaro solennemente: chi si sottopone al rito della circoncisione è impegnato a fare tutto quello che la Legge comanda.  4Quelli, tra voi, che pensano di salvarsi perché ubbidiscono alla Legge, sono separati da Cristo, sono privati della grazia;  5noi invece siamo guidati dallo Spirito di Dio, e per mezzo della fede viviamo nella continua attesa di ricevere la salvezza sperata.  6Quando siamo uniti a Cristo Gesù, non conta nulla essere circoncisi o non esserlo. Conta solo la fede che agisce per mezzo dell'amore.
7Eravate partiti bene; chi vi ha fatto inciampare sulla via della verità?  8Quel che vi hanno detto per farvi cambiare idea, non viene certo da Dio che vi chiama.  9Ma badate bene: un po' di lievito fa fermentare tutta la pasta.  10Ma, per quanto vi riguarda, il Signore mi dà fiducia: non prenderete un'altra strada. Chi porta confusione in mezzo a voi sarà punito, chiunque egli sia.
11Quanto a me, fratelli, se dicessi che la circoncisione è ancora necessaria, gli Ebrei non mi perseguiterebbero più, ma in questo caso la croce di Cristo non sarebbe più per loro motivo di scandalo.  12Quelli che provocano questi disordini in mezzo a voi vadano pure a farsi castrare.

Libertà, servizio, amore
13Fratelli, Dio vi ha chiamati alla libertà! Ma non servitevi della libertà per i vostri comodi. Anzi, lasciatevi guidare dall'amore di Dio e fatevi servi gli uni degli altri.  14Perché chi ubbidisce a quest'unico comandamento: Ama il prossimo tuo come te stesso, mette in pratica tutta la Legge.  15Se invece vi comportate come bestie feroci, mordendovi e divorandovi tra voi, fate attenzione: finirete per distruggervi gli uni gli altri.

La guida dello Spirito si contrappone al nostro egoismo
16Ascoltatemi: lasciatevi guidare dallo Spirito e così non seguirete i vostri desideri egoisti.  17L'istinto egoista ha desideri contrari a quelli dello Spirito, e lo Spirito ha desideri contrari a quelli dell'egoismo. Queste due forze sono in contrasto tra loro, e così voi non potete fare quel che volete.  18Se lo Spirito di Dio vi guida, non siete più schiavi della Legge.  19Tutti possiamo vedere quali sono i risultati di una vita egoista: immoralità, corruzione e vizio,  20idolatria, magia, odio, litigi, gelosie, ire, intrighi, divisioni,  21invidie, ubriachezze, orge e altre cose di questo genere. Io ve l'ho già detto prima e ve lo dico di nuovo: quelli che si comportano in questo modo non avranno posto nel regno di Dio.
22Lo Spirito invece produce: amore, gioia, pace, comprensione, cordialità, bontà, fedeltà,  23mansuetudine, dominio di sé. La Legge, certo, non condanna quelli che si comportano così.
24E quelli che appartengono a Gesù Cristo hanno fatto morire con lui, inchiodato alla croce, il loro egoismo con le passioni e i desideri che esso produce.  25Perciò, se è lo Spirito che ci dà la vita, lasciamoci guidare dallo Spirito.  26Non dobbiamo quindi più essere gonfi di orgoglio e provocarci a vicenda invidiandoci gli uni gli altri.



 

< precedente____________________________successiva >

 
Torna ai contenuti | Torna al menu