TILC Matteo 6 - Aceb_PugliaBasilicata

Cerca
2006/2020 -  ANNO XIV - 9 Gennaio 2020
"Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo" (Galati 6:2)
Vai ai contenuti

Menu principale:

N.T.


(Testo TILC)

Vangelo di Matteo: 

1  2    3  4 5 6  7   8   9 10  11  12  13  14  15  16  17  18 19  20 21  22 23  24  25 26 27  28



VANGELO DI MATTEO
Capitolo 6

  1"State attenti a non fare il bene in pubblico per il desiderio di essere ammirati dalla gente; altrimenti non avrete nessuna ricompensa dal Padre vostro che è in cielo.
   2"Quando dai qualcosa ai poveri, non fare come gli ipocriti, non farlo sapere a tutti. Essi fanno così nelle sinagoghe e per le strade, perché cercano di essere lodati dalla gente. Ma io vi assicuro che questa è l'unica loro ricompensa. 3"Invece, quando fai l'elemosina, non farlo sapere a nessuno, neanche ai tuoi amici. 4La tua elemosina rimarrà segreta; ma Dio, tuo Padre, vede anche ciò che è nascosto, e ti ricompenserà.

         Preghiera e ipocrisia

   5"E quando pregate, non fate come gli ipocriti che si mettono a pregare nelle sinagoghe o agli angoli delle piazze per farsi vedere dalla gente. Vi assicuro che questa è l'unica loro ricompensa.
   6"Tu invece, quando preghi, entra in camera tua e chiudi la porta. Poi, prega Dio, presente anche in quel luogo nascosto. E Dio tuo Padre, che vede anche ciò che è nascosto, ti darà la ricompensa.

         Gesù insegna come pregare
         (vedi Marco 11,25-26; Luca 17,5-6)
   7"Quando pregate, non usate tante parole come fanno i pagani: essi pensano che a furia di parlare Dio finirà per ascoltarli. 8Non fate come loro, perché Dio, vostro Padre, sa di che cosa avete bisogno, prima ancora che voi glielo chiediate.
   9Dunque, pregate così:
   Padre nostro che sei in cielo,
   fa' che tutti riconoscano te come sei,
   10che il tuo regno venga,
   che la tua volontà si compia
   anche in terra come in cielo.
   11Dacci oggi il nostro pane necessario.
   12Perdona le nostre offese
   come anche noi perdoniamo a chi ci ha offeso.
   13Fa' che non cadiamo nella tentazione,
   ma liberaci dal Male.
   14Perché, se voi perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è in cielo perdonerà anche a voi. 15Ma se non perdonerete agli altri il male che hanno fatto, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.

         Digiuno e ipocrisia

   16"E quando fate un digiuno religioso, non agite come gli ipocriti. Essi mostrano la faccia triste, perché tutti vedano che stanno digiunando. Ma io vi assicuro che questa è l'unica loro ricompensa.
   17"Tu invece, quando fai un digiuno, lavati la faccia e profumati i capelli, 18perché la gente non si accorga che tu stai digiunando. E Dio tuo Padre, che vede anche ciò che è nascosto, ti ricompenserà.

         Le vere ricchezze

         (vedi Luca 12, 33-34)
   19"Non accumulate ricchezze in questo mondo. Qui i tarli e la ruggine distruggono ogni cosa e i ladri vengono e portano via. 20Accumulate piuttosto le vostre ricchezze in cielo. Là, i tarli e la ruggine non le distruggono e i ladri non vanno a rubare. 21Perché, dove sono le tue ricchezze, là c'è anche il tuo cuore.

         Gli occhi e la luce
         (vedi Luca 11, 34-36)
   22"Gli occhi sono come lampada per il corpo: se i tuoi occhi sono buoni, tu sarai totalmente nella luce, 23ma se i tuoi occhi sono cattivi, tu sarai totalmente nelle tenebre. Se dunque la luce in te è tenebra, come sarà nera quella tenebra!

         Dio e i soldi
         (vedi Luca 16, 13)
   24"Nessuno può servire due padroni: perché, o amerà l'uno e odierà l'altro; oppure preferirà il primo e disprezzerà il secondo. Non potete servire Dio e i soldi.

         La vita e le vere preoccupazioni
         (vedi Luca 12, 22-31)
   25"Perciò io vi dico: non preoccupatevi troppo del mangiare e del bere che vi servono per vivere, o dei vestiti che vi servono per coprirvi. Non è forse vero che la vita è più importante del cibo e il corpo è più importante del vestito? 26"Guardate gli uccelli del cielo: essi non seminano, non raccolgono e non mettono il raccolto nei granai. Eppure il Padre vostro che è in cielo li nutre! Ebbene, voi non valete forse più di loro?
   27"E chi di voi con tutte le sue preoccupazioni può vivere un giorno più di quel che è stabilito?
   28"Anche per i vestiti, perché vi preoccupate tanto? Guardate come crescono i fiori dei campi: non lavorano, non si fanno vestiti. 29Eppure vi assicuro che nemmeno Salomone, con tutta la sua ricchezza, ha mai avuto un vestito così bello! 30Se dunque Dio rende così belli i fiori dei campi che oggi ci sono e il giorno dopo vengono bruciati, a maggior ragione procurerà un vestito a voi, gente di poca fede!
   31"Dunque, non state a preoccuparvi troppo, dicendo: "Che cosa mangeremo?, che cosa berremo?, come ci vestiremo?". 32Sono gli altri, quelli che non conoscono Dio, a cercare sempre tutte queste cose. Il Padre vostro che è in cielo sa che avete bisogno di tutte queste cose.
   33"Voi invece cercate prima il regno di Dio e fate la sua volontà: tutto il resto Dio ve lo darà in più. 34Perciò, non preoccupatevi troppo per il domani: ci pensa lui, il domani, a portare altre pene. Per ogni giorno basta la sua pena.



Vangelo di Matteo:

1  2    3  4 5 6   7   8   9 10   11   12   13  14  15  16  17  18 19  20 21  22 23  24  25 26 27  28





 

precedente   pagina   successiva

 
Torna ai contenuti | Torna al menu